C  T  A  A  T  G  T
|   |    |   |   |    |   |
G  A  T  T  A  C  A

There is no gene for the human spirit.

Qualche giorno fa, conclusasi la lezione di “neurobiology of maladaptation”, il nostro professore si è fermato a discutere alcune implicazioni che la genetica può avere nella nostra vita e soprattutto nella nostra società. Cose tipo la pecora Dolly, gli O.G.M., gli X-Men o l’eugenetica, quelle cose lì. In realtà, col proff, principalmente di eugenetica. Parolone che sta per: lo studio dei metodi volti al perfezionamento della specie umana attraverso selezioni artificiali operate tramite la promozione dei caratteri fisici e mentali ritenuti positivi, o eugenici (genetica positiva), e la rimozione di quelli negativi, o disgenici (genetica negativa), mediante selezione o modifica delle linee germinali (buon caro vecchio wiki).

L’eugenetica salta fuori per la prima volta nell’Ottocento e non gode di buona fama oggigiorno, avendo ispirato simpatici guaglioni come Hitler e Lombroso. Già prima della sua nascita però, nel corso della storia si sono verificati tentativi simili di controllare e selezionare il patrimonio genetico della prole, d’altronde: buon sangue non mente! Ad esempio i faraoni incestuosi che facevano chiki chiki solo tra fratelli e sorelle, massimo cugini, per mantenere la purezza del sangue “divino” della famiglia reale (come si suol dire: “non c’è cosa più divina della cugina”). Dopo qualche generazione si sono però accorti che non era una grande idea: invece degli Adoni che si aspettavano, i faraoni venivano fuori storpi e malaticci (tipo quello sfigato di Tutankhamon).

Invece gli Spartani, con vero spirito darwiniano, davano un bel calcio in culo ai propri giovani e li costringevano a passare un anno fuori le mura ad ammazzare Iloti e a procacciarsi il cibo (ora provate a lamentarvi con i vostri parents), così la selezione naturale faceva il suo corso e sopravvivevano solo i migliori. Non dimentichiamoci anche che il matrimonio è presente in tutte le culture, seppur con forme e riti diversi, e non è nient’altro che un modo di controllare la progenie a livello monetario (l’eredità), a livello sociale, come ad esempio con le caste in India, e a livello sanitario, tipo la verginità, che prima dell’invenzione del cappuccio in plastica, era l’unico modo per essere sicuri che i due sposini non si fossero beccati delle malattie sessualmente trasmissibili (ora sta menata della verginità prima del matrimonio è un po’ anacronistica) (1). La questione è anche più complessa di così ma questi sporadici esempi erano per farvi capire quanto sia pregnante il legame tra sangue e società. Non a caso definiamo il DNA come patrimonio genetico, perché esso è la più importante eredità che ci possa essere lasciata.

CONDIVIDI
Articolo precedenteOnly God Forgives – Il tema del complesso edipico in Freud e Jung (Seconda Parte)
Articolo successivoMaus, l’Olocausto e la trasmissione transgenerazionale del trauma
Giacomo Tartaro
Da quando sono maggiorenne presto volontario come soccorritore presso l'associazione di pronto intervento Croce d'Oro Milano. Per dieci anni sono stato bassista di una band blues-rock, gli Old News e per cinque presidente di una associazione culturale senza fini di lucro, la GNU Sound. Dopo aver conseguito una laurea in scienze e tecniche psicologiche presso l'università statale di Milano-Bicocca, dove ero noto con il patronimico "ilfigliodidueterapeuti", mi sono trasferito in Australia dove ho svolto svariati lavori, principalmente il bar-tender, e migliorato il mio inglese. Attualmente sono in Olanda dove sto perseguendo un master in neurolinguistica presso la Radbout University of Nijmegen. Contatti: tartagnan91@hotmail.it

ADESSO COSA PENSI?