Ho sognato che ero prigioniera in un castello sommerso. L’acqua intorno era limpida, pulita e calma. Riuscivo a respirare sott’acqua e mi muovevo continuamente per trovare un’uscita. Finalmente ho trovato un pertugio ed ho iniziato a nuotare, allontanandomi sempre più da quel luogo ostile. E, più mi allontanavo, più le bracciate si facevano più lente ed iniziavo ad osservare i pesci colorati attorno a me e a vedere altre persone nuotare tranquillamente“.

I dreamed that I was imprisoned in a submerged castle. The water around was clear, clean and calm. I managed to breathe underwater and I was constantly moving to find an exit from the castle. Finally I found a hole and I started swimming further and further away from that hostile place. And the more I moved away the more my strokes became slower and I began to observe the colorful fish around me and to see other people swimming calmly“.

Illustrazione di – Massimo Ricci

Per conoscere di più dell’artista visita:

Pagina Instagram

CONDIVIDI
Articolo precedenteAbilitAZIONE: la strada verso il traguardo
Davide Parlato
Laureato con Lode in Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia presso l'Università di Milano-Bicocca, psicologo abilitato e attualmente in formazione come psicodiagnosta presso lo Studio Associato di Psicologia Clinica A.R.P. (Milano). Lavoro al momento nell'educativa scolastica e, come psicologo, con ragazzi con difficoltà scolastiche e disturbi specifici dell'apprendimento. Sono cofondatore del progetto Cultura Emotiva. Oltre alla Psicologia, all'Arte e alla Cultura sono un grande appassionato di musica: la chitarra, che suono da 9 anni, è un'importante parte della mia vita emotiva. Contatto: davide.parlato93@gmail.com

ADESSO COSA PENSI?