21.9 C
Milano
sabato 20 luglio 2019
Cultura

Cultura

Cultura Emotiva Analisi psicologica di prodotti culturali, alla ricerca dell’Uomo dietro all’Opera

La donna che amava i numeri. Il Disturbo ossessivo-compulsivo in un romanzo

“Contare ci dà un’identità definita. L’unica cosa che dà senso alla nostra vita è la consapevolezza che siamo destinati a morire. Tutti quanti. È questo a rendere importante ogni minuto che passa. Se non fossimo in grado di contare i giorni, le ore, le persone...

Pregiudizio o contatto: quando si hanno le “mani di forbice”

Una teoria molto famosa nell'ambito della psicologia ci insegna che il contatto con l'altro potrebbe essere funzionale ad alleviare il pregiudizio. Ma è sempre così semplice? E che cosa accade nel momento in cui l'altro con cui entriamo in contatto ha “mani di forbici”...

Caparezza racconta l’Acufene – Breve guida per affrontare Larsen firmata Salvemini

Fischia l'orecchio infuria l'acufene Nella testa vuvuzela mica l'ukulele La mia resistenza è quella zulu, cede Se arriva Larsen te lo devi tenere. È finalmente disponibile al pubblico l’ultima fatica di Michele Salvemini in arte Caparezza: Prisoner 907. L’album è in tutto e per tutto una vera “fatica”...

l’arte di essere fragili: come un Amico può salvarti la vita

Succede così, è mentre stai facendo qualcosa di assolutamente banale e routinario che fai un incontro speciale. Che sia una persona, una situazione o una cosa, poco importa. A me è successo con un libro. Ero in stazione - luogo prediletto per incontri insoliti -...

“Il mistero del linguaggio” di Noam Chomsky

“Il mistero del linguaggio” è un libro solo apparentemente breve, centotredici pagine esclusa bibliografia, che raccoglie alcuni recenti contributi di Noam Chosmky, il (quasi) incontrastato re della linguistica moderna, quando non critico radicale delle attuali strutture di potere politico e finanziario. Quando il giovanissimo Noam...

Un mare di ricerca. Quella strana razza degli psicologi

Si chiama Ismael Bartleboom, professor Ismael Bartleboom, è uno dei personaggi protagonisti del libro “Oceano Mare” di Baricco (1993). Probabilmente non ha mai avuto una cattedra universitaria, né si è mai avvicinato al mondo accademico, ma poco importa: lui dice di essere un professore...

“Le Ragazze” di Emma Cline: un grido adolescenziale

Articolo di Valentina Fei Capita di rado che mi lasci affascinare dai sensazionalismi, da recensioni pomposamente entusiastiche di notizie, libri, film che rivendicano il tale libro come un capolavoro od il tale avvenimento come eccezionale. Forse questo mio scetticismo è causato da un’ indole, alquanto orgogliosa,...

Fechner e lo strüdel

Ovvero: la storia di come un dolcetto possa salvare la tua ricerca. Il mondo della ricerca è oggigiorno tremendamente complesso, variegato e pieno di inventiva. Ma non solo, chi di noi ambisce o sta perseguendo una carriera universitaria da ricercatore, sa bene che è anche...

Una conversazione con Alda Merini – Il disturbo bipolare e la sua poesia

Il disturbo bipolare è una patologia che non ha un'età d'insorgenza ben precisa; la componente genetica sembra essere un fattore causale abbastanza importante tra le persone che ne sono affette, insieme ai fattori ambientali (esperienze di vita complesse, traumi...). Le persone con questo disturbo alternano...

La normalità del male secondo Isabella Merzagora

  “Perché interi popoli o comunque migliaia, centinaia di migliaia di persone possano rendersi responsabili di massacri e poi tornare alla loro normalità?”  Questa è la domanda che si pone Isabella Merzagora, professore ordinario di Criminologia all’Università degli Studi di Milano e presidente della “Società italiana...

Articoli recenti

La normalità del male secondo Isabella Merzagora

  “Perché interi popoli o comunque migliaia, centinaia di migliaia di persone possano rendersi responsabili di massacri e poi tornare alla loro normalità?”  Questa è la...

Il più letto della settimana

“Le storie sono architravi. Sono i prodotti di sforzi antecedenti per creare senso. Esse sono strutture per capire, spiegare, strutturare, stimolare, cambiare e vivere la vita”. Karl E. Weick, 1969 “E se avessi sbagliato tutto? Se avessi preso le decisioni sbagliate? Se avessi avuto sfortuna?”. Questo tipo di dubbi, che minaccia di farmi trasalire nelle ore notturne, ha un effetto paralizzante....