0.3 C
Milano
venerdì 6 dicembre 2019
Cultura

Cultura

Cultura Emotiva Analisi psicologica di prodotti culturali, alla ricerca dell’Uomo dietro all’Opera

La donna che amava i numeri. Il Disturbo ossessivo-compulsivo in un romanzo

“Contare ci dà un’identità definita. L’unica cosa che dà senso alla nostra vita è la consapevolezza che siamo destinati a morire. Tutti quanti. È questo a rendere importante ogni minuto che passa. Se non fossimo in grado di contare i giorni, le ore, le persone...

Guida turistica della mente di Van Gogh

Nell'anno 1853, il 30 Marzo, mentre in Olanda iniziavano a sbocciare i tulipani, da qualche parte a Groot Zundert nasceva il grande Vincent Van Gogh. Il 29 Luglio 1890 moriva. Si diede appuntamento con la morte  in un campo di grano, uno di quelli...

GATTACA – L’eugenetica oggi?

C  T  A  A  T  G  T |   |    |   |   |    |   | G  A  T  T  A  C  A There is no gene for the human spirit. Qualche giorno fa, conclusasi la lezione di "neurobiology of maladaptation", il nostro professore...

Schizofrenica guida l’armata di Francia alla riconquista d’Orléans

“..rendete alla Pulzella, che è inviata da Dio, il Re del Cielo, le chiavi di tutte le città che avete preso e violato in Francia." Se nel 1428 fossero esistiti i giornali ed i titolisti avessero avuto lo stesso gusto scandalistico di oggi, questo è...

Eyes Wide Shut – La relazione come teatro del transfert

A pochi giorni dall’anniversario della morte del grande regista Stanley Kubrick, mi è capitato di rivedere il finale di uno dei suoi film più imponenti sia dal punto di vista filmico che speculativo: Eyes Wide Shut. L’opera mi è parsa particolarmente efficace nel tentativo...

“Piacere e colpire. La società della seduzione” di Gilles Lipovetsky

Sedurre ha quindi una doppia anima: da un lato è un meccanismo che porta all’incontro, al legame, all’attrazione reciproca e al desiderio, dall’altro lato è fonte di pericolosità, attorniato da un alone nocivo di mistero.Sedurre, dal latino sedŭcere, formato da  se (ossia “a parte,...

Maus, l’Olocausto e la trasmissione transgenerazionale del trauma

Articolo di Francesco Latini   Con l’avvicinarsi del 25 Aprile, anniversario della Liberazione, ho deciso finalmente di leggere “Maus: A Survivor’s Tale”, la graphic novel di Art Spiegelman che rivoluzionò il mondo del fumetto guadagnandosi lo Special Award del premio Pulitzer nel 1992. In estrema sintesi, l’opera...

La teoria del tutto: qualità di vita nella persona con SLA (Prima Parte)

“Il Ben-Essere è il risultato della realizzazione di quei bisogni che conducono allo sviluppo della persona” (E. Fromm, 1931). Oggi più che mai, assistiamo ad un importante cambio di prospettiva che accomuna diverse discipline che tendono ad abbracciare, in maniera sempre più marcata, una visione...

Giacomo e il suo Demone bianco. Una storia di dislessia (Parte Seconda)

Parte Prima Sulla copertina del libro "Demone bianco" è raffigurato un cuore trafitto da una spada, chi di noi non ne ha disegnato uno sul proprio diario di scuola, simbolo di tutti i teenagers del mondo! Ma per questo quattordicenne quel cuore rappresentava qualcosa di...

Un mare di ricerca. Quella strana razza degli psicologi

Si chiama Ismael Bartleboom, professor Ismael Bartleboom, è uno dei personaggi protagonisti del libro “Oceano Mare” di Baricco (1993). Probabilmente non ha mai avuto una cattedra universitaria, né si è mai avvicinato al mondo accademico, ma poco importa: lui dice di essere un professore...

Articoli recenti

Ok, Millennial – Internet, TV e le abitudini moderne ci rendono...

Dal loro debutto, le tecnologie elettroniche sono state accusate di ridurre le capacità cognitive e comportamentali delle persone. Diverse fonti accademiche e giornalistiche si...

Il più letto della settimana

Molti termini della psicologia, della psicoanalisi e della psichiatria ormai fanno parte del linguaggio comune; molti concetti finiscono per corredare la cultura collettiva, anche quella più pop, fino a diventare quelle che in gergo vengono definite “psicoballe”. Fra i tanti termini psicologici che più spesso ritrovo nei discorsi da bar, sulle bacheche di Facebook e, ahinoi, sulle grinzose braccia...