1.4 C
Milano
giovedì 31 gennaio 2019
Autori Scritto da Alessia Sebastianelli

Alessia Sebastianelli

Alessia Sebastianelli
3 ARTICOLI 0 COMMENTI
Sono laureanda in Psicologia Clinica presso l’Università di Roma “La Sapienza”. Nel 2015 ho svolto un tirocinio, e successivamente una collaborazione, presso una Struttura Residenziale Terapeutico-Riabilitativa, entrando per la priva volta in contatto con pazienti affetti da patologie psichiatriche. Nel 2017 ho intrapreso un’esperienza di formazione presso il “Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura” (SPDC) dell’“Azienda Ospedaliera Sant'Andrea” di Roma. Attualmente svolgo il lavoro di AEC (Assistenza Educativa Culturale) nelle scuole. Grazie a questo lavoro, sta crescendo il mio interesse nei confronti delle terapie per bambini con disturbi dello spettro autistico. In questo periodo sto ultimando la mia tesi di laurea magistrale, presso una “Residenza per l'esecuzione delle misure di sicurezza” (R.E.M.S.). Nutro da sempre anche un vivo interesse nei confronti della criminologia. Contatti: alessia1292@gmail.com

Mutismo selettivo: cos’è e ipotesi esplicative

F. frequenta la prima elementare. È una bambina tranquilla ed educata. Resta seduta composta al suo banco, è meticolosa nel fare i compiti, non disturba mai i compagni, segue le indicazioni degli insegnanti ed ha...

Creatività: è questione di stile (cognitivo)

Cos’è la creatività? Cosa rende una persona creativa? “Creatività significa semplicemente collegare cose. Quando chiedi a persone creative come hanno fatto qualcosa, si sentono quasi in colpa perché non l’hanno fatto realmente, hanno solo visto...

ADHD: il Deficit di attenzione/iperattività e i rischi correlati

Il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) è un disturbo da comportamento dirompente che comprende sintomi di disattenzione, iperattività e impulsività. È un disturbo evolutivo dell’autocontrollo ed è un problema, per l’individuo stesso, per la...

Articoli recenti

Il più letto della settimana

“…Lei non sa dottore quanta solitudine e quanta vergogna si prova con la testa piegata sul water per vomitare. Nessuna sa o finge di non sapere.   È un momento di immensa solitudine, concentrato sul rifiuto di tutto, mentre i polmoni bruciano insieme all’esofago e la gola sembra strangolarti per l’innaturalezza del gesto.   Mi sono riempita di cibo perché il...