4.5 C
Milano
lunedì 19 febbraio 2018
Autori Scritto da Davide Mansi

Davide Mansi

Davide Mansi
3 ARTICOLI 0 COMMENTI
Studente di Psicologia alla University of East London. Milanese nel cuore, prima di approdare a Londra ho passato un anno girando l’Australia e New York vivendo diverse realtà, finendo per innamorarmi della vita da backpacker e di Sydney. Oltre a macinare dati per ricerche scientifiche in università, i miei principali interessi in psicologia riguardano la comunicazione interpersonale e intrapersonale, la teoria della mente, le meccaniche delle relazioni sociali e lo studio di tecniche per abilitare e riabilitare in questi ambiti. Sul versante professionale intendo usare la psicologia per migliorare la vita delle persone e non metto limiti ai settori che possono beneficiare del supporto di uno psicologo e di una buona dose di creatività. Contatti: davide.mansi94@gmail.com

Giubbotti imbottiti di sabbia per controllare i bambini iperattivi. Metodo efficace o soluzione maldestra?

Negli ultimi giorni il curioso caso di 200 scuole tedesche ha fatto alzare una, se non entrambe le sopracciglia a chi si occupa di benessere psicologico e psicofisico, di educazione, e a molti genitori....

Perché imparare l’ottimismo?

Come s’impara l’ottimismo? È un vantaggio o uno svantaggio essere ottimisti?Spesso sono stato definito ottimista, a volte con ammirazione altre con compassione, per via di come vedo il mondo e come interpreto gli eventi....

Il linguaggio del corpo e l’arte di cambiare se stessi

Avete mai provato a “spegnere” l’audio, tutti i suoni che ricevete dal mondo e dalle persone per osservare solo con gli occhi i loro movimenti? Che cosa avete notato negli altri o in voi...

Articoli recenti

Il più letto della settimana

Un ostacolo frequente nel trattamento di disturbi psichici è rappresentato dal pregiudizio sui farmaci. Un certo numero di pazienti nonostante i benefici evidenti ottenuti a seguito di una terapia farmacologica, diventano "impazienti" circa il desiderio di ridurre e sospendere le terapie.Alcuni temono che il farmaco "intossichi il fegato" altri dichiarano che "non vogliono diventare dipendenti" da una medicina, altri ancora...