7.4 C
Milano
mercoledì 21 novembre 2018
Autori Scritto da Elvira De Simone

Elvira De Simone

Elvira De Simone
7 ARTICOLI 0 COMMENTI
Ho conseguito la Laurea Magistrale in Psicologia Clinica presso la Seconda Università degli studi di Napoli. Tornata nella mia città di origine, Taranto, ho effettuato il mio tirocinio al Centro di Salute Mentale. Grazie a questa esperienza ho avuto la possibilità di confrontarmi con un concetto di sofferenza psichiatrica molto diverso da quello sempre studiato sui manuali, e di entrare nel vissuto delle persone tramite l'ascolto empatico delle loro esperienze. Da qui si acuisce il mio già acceso interesse per i disturbi psicotici, che posso osservare da vicino anche adesso che svolgo attività di volontariato presso i Centri Diurni D'Enghien e Basaglia del Dipartimento di Salute Mentale di Taranto, partecipando ad attività di sostegno e riabilitazione. In futuro mi piacerebbe frequentare una Scuola di Specializzazione Psicoanalitica, rimanendo aperta all'idea di far parte di una rete di colleghi e professionisti "con altri occhi". Contatti: elvira_desimone@libero.it

L’espressione creativa della depressione e l’arteterapia

“Dipingere è un modo di rendere più sopportabile la propria disperazione trasferendola sulla tela”. F. Bacon.   Ogni tanto succede a tutti di avere una brutta giornata, una di quelle in cui siamo giù di corda e...

“È soltanto un animale!” – Il vuoto di un dolore negato

Il tema del lutto è molto delicato e indica un sentimento di intenso dolore che si prova per la perdita, generalmente, di una persona cara. Si tratta di quel lacerante percorso che tutti purtroppo...

IL DELIRIO: IMMERGENDOSI NEL CAOS DELLA PSICOSI

Alcune delle caratteristiche fondamentali che contraddistinguono la psicosi sono certamente le manifestazioni deliranti e allucinatorie. Avendo quotidianamente a che fare con persone affette da psicosi, il mio interesse principale, da qualche anno a questa...

Il trauma psichico nell’infanzia: conseguenze e linee terapeutiche

«Allora mio padre, non si capiva cosa stesse facendo e sentivo sempre male, male, male. Allora io non capivo bene, io vedevo che mio padre era lì nella camera con me, però non riuscivo...

Mia madre odia le carote: Anoressia e Psiche

Zoe: «Si, perché la fame la senti eccome. Ma tu sei superiore, sai resistergli. Metti a tacere ogni istinto e pulsione, azzeri oltre alle calorie qualsiasi cosa abbia a che fare con la vita,...

Le nuove frontiere della terapia: la “Travel Therapy”

"Non sono le persone che fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone " J. Steinbeck A tutti noi sarà sicuramente capitato di provare quella benefica sensazione rigeneratrice dopo essere tornati da un viaggio:...

Psicosomatica: quando il corpo parla al tuo posto

Da sempre, la prima tappa quando sentiamo che c'è qualcosa che non va col nostro corpo, è il nostro medico di famiglia. Un mal di testa insistente, lo stomaco che brucia, colite, orticaria, dolori...

Articoli recenti

Disempatia, memorie somatosensoriali e anoressia

“Le cose che vede un bambino piccolo non formano ricordi, formano parti della sua anima” (M. Montessori) Questa affermazione invita ad una riflessione profonda su...

Il più letto della settimana

Su quando si ama troppo, non si ama abbastanza, o non si riesce ad essere amati. Ho sempre viaggiato con il pensiero disegnando l’amore nelle sue mille forme, immaginandomi il sentimento amoroso come una profonda sintonizzazione tra due esseri, figurandomi una sorta di “telepatia” e appartenenza prestabilita, uno struggimento dovuto all’assenza dell’altro e un destino comune. Ma è davvero questo l’amore? L'etimologia...