17.7 C
Milano
domenica 13 maggio 2018
Autori Scritto da Emanuela Fici

Emanuela Fici

Emanuela Fici
12 ARTICOLI 0 COMMENTI
Sono Emanuela Fici, 32 anni, vivo in Sicilia, a Corleone. Laureata nel 2013 in Psicologia clinica dell’arco di vita presso l’Università degli Studi di Palermo, ho seguito un Master in Gestione delle Risorse Umane che mi ha permesso una bella esperienza in ambito “Relazione Cliente” nella GDO. Nel 2015 mi sono abilitata Psicologa. Mi sono occupata di comunità per minori in fase di adozione/affido e MSNA in qualità di Educatore. Ho scritto articoli di ricerca riguardanti adolescenza e maternità in adolescenza per The International Journal of Humanities & Social Studies e Psicologia Clinica dello Sviluppo. Mi sono occupata di Peer Education in collaborazione con le scuole superiori statali e il distretto socio-sanitario del mio paese. Continuo a lavorare per il mio territorio con il Progetto IndipendenteMente, sostenuto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e da varie associazioni locali, dedicato a persone con difficoltà psichiche e psichiatriche. Sono inoltre un’Assistente all’autonomia in una scuola dell’infanzia di Palermo. Contatti: emanuelafici@virgilio.it

La donna che amava i numeri. Il Disturbo ossessivo-compulsivo in un romanzo

“Contare ci dà un’identità definita. L’unica cosa che dà senso alla nostra vita è la consapevolezza che siamo destinati a morire. Tutti quanti. È questo a rendere importante ogni minuto che passa.Se non fossimo...

Tra gossip e candele: la Folk Psychology e la Teoria della Mente

Cari lettori, Cultura Emotiva vi ha abituato a conoscere i più svariati termini: resilienza, demenza, autismo, sinestesia e tanti altri, oggi voglio incrementare il vostro Dizionario di Psicologia con un nuovo vocabolo sotto la...

Chi sono io? Alla ricerca del Sé perduto (o mai conosciuto)

Cari lettori, avete presente tutti quei test che spopolano su Facebook tipo “Scegli un’immagine e ti dirò chi sei” o “Calcola la tua età mentale”, “Il test del dentifricio”, “Quale animale ti descrive di...

Diamoci una mossa! Sport, gioco e sessualità.

La palestra, luogo quasi sconosciuto ai più... il mio obiettivo è convincervi a visitarla ogni tanto... già sento lamenti provenire dai divani “Nooo che fatica, ma quale esercizio fisico, sono in forma così!”.pancetta esagerata,...

Un team di “Eroi”: lavorare in gruppo

Cari lettori, vorrei ritornare a parlarvi di psicologia del lavoro.Se ben ricordate vi ho precedentemente raccontato la mia esperienza nel fantastico mondo della Grande Distribuzione Organizzata (per chi non avesse letto questo è l’articolo).Bellissima...

Pronto Dottore? Safer e il Delay Behaviour Model

Si avvicina l’autunno e l’inverno e con essi i primi malanni di stagione, dal semplice raffreddore all’incubo di tutti, dal bambino all’anziano: il virus intestinale (che poi tanto stagionale non è perché sembra resistere...

Anche a te e famiglia..! La psicologia del natale

 Jingle Bells, Jingle Bells, Jingle all the way... si sta avvicinando il Santo Natale: già in televisione spot pubblicizzano profumi, giocattoli, pandori e torroni, le vetrine si illuminano di meravigliosi abeti decorati e arriveranno,...

The First Joke: sulla gioia e l’umorismo

Cari lettori, se ancora non lo avete notato questo portale, blog, pagina o come volete chiamarlo, si chiama Cultura Emotiva, quindi... perchè non parlare di emozioni vere e proprie?? Aspettate, prima di cominciare è...

Giacomo e il suo Demone bianco. Una storia di dislessia (Parte Seconda)

Parte PrimaSulla copertina del libro "Demone bianco" è raffigurato un cuore trafitto da una spada, chi di noi non ne ha disegnato uno sul proprio diario di scuola, simbolo di tutti i teenagers del...

Giacomo e il suo Demone bianco. Una storia di dislessia (Parte Prima)

È arrivata l’estate: sole, mare, caldo (tanto caldo...), e più tempo libero. C’è chi si dedica all’attività fisica, chi ci rinuncia per spaparanzarsi in spiaggia e chi si dedica alla lettura. Proprio a voi...

Articoli recenti

Il più letto della settimana

"Quando il suicidio costituisce l'unica difesa rimasta di fronte al tradimento del vero sé, allora il destino del falso sé diventa quello di organizzare il suicidio. Questo naturalmente implica la distruzione, da parte del falso sé, di se stesso, ma implica anche la fine della necessità della sua esistenza dato che la sua funzione è quella di proteggere il...