6 C
Milano
domenica 10 febbraio 2019
Autori Scritto da Federica Molteni

Federica Molteni

Federica Molteni
13 ARTICOLI 0 COMMENTI
Piacere, Federica! Mi sono laureata in psicologia clinica presso l’Università di Milano Bicocca con una tesi riguardante la relazione tra varie forme di cyberbullismo sessuale, come lo slut shaming, e la cultura dello stupro sui social network. Nel 2016 ho trascorso sei mesi presso l’ISPA di Lisbona, periodo nel quale ho appreso la metodologia di stesura di un progetto di ricerca in ambito psicologico, scoprendo che la cosa mi interessa e mi motiva. Nel corso dell’ultimo anno, nel tempo libero, ho seguito un corso di improvvisazione teatrale ed ho scoperto che anche questa cosa mi piace e mi diverte. La quasi totalità delle esperienze di stage/volontariato ecc. che ho svolto sono state con i bambini. Lavorare con i bambini è sempre un piacere, ma in futuro vorrei operare (anche) con gli adulti. Ad oggi, mi piacerebbe poter mettere in piedi/partecipare a dei progetti che mirino ad ottenere un cambiamento sociale e migliorare le condizioni di vita dei partecipanti; in un futuro più lontano, invece, mi piacerebbe diventare una psicoterapeuta cognitivo comportamentale ed essere abilitata alla schema therapy. Contatti: f.molteni13@gmail.com

Prostituzione, deumanizzazione e rischi

Nel mercato, normalmente, viene stimato quanto un prodotto sia rischioso per il consumatore, come nel caso del tabacco, il quale danneggia la salute e quindi contiene in sé un rischio intrinseco per chi ne...

Lingua dei segni: a cosa assomigliano le parole?

Ci sono delle differenze tra le lingue parlate e le lingue dei segni? Per tanto tempo le lingue dei segni non sono state considerate come soggetti a sé stanti, che potessero avere caratteristiche e particolarità...

Ancora prima di nascere

Un tempo si credeva che il bambino alla nascita fosse una tabula rasa, senza coscienza, né conoscenza e che le basilari capacità cognitive venissero gradualmente a costituirsi nel corso dello sviluppo. Beata ingenuità! Le ricerche...

La cultura dello stupro nei tribunali

“Sola, ubriaca, voglio arrivare a casa” “Non è abuso, è stupro” “Sorella, io ti credo” “Non è un caso isolato, si chiama patriarcato” “Le strade e la notte sono anche nostre” Avevo seriamente intenzione di scrivere di qualcosa di...

Il volto adattivo del bullismo.

Penso che chiunque nella vita si sia trovato ad incarnare per una volta il ruolo del bullo, della vittima o dello spettatore. Il bullismo infatti è un fenomeno universale, trasversale al tempo, alle culture...

Laurea ad honorem in auto-sabotaggio

Finalmente è iniziato un nuovo anno! E ad accoglierci, all’ingresso di questa nuova avventura, chi troviamo? Gennaio, e non c’è bisogno di essere Paolo Fox per sapere che gennaio per gli studenti, quale che...

Morelli, le prostitute e la denuncia. Punti di vista (1)

In seguito alla diffusione del video de "Le iene", in cui Morelli parla delle molestie sessuali che in questi giorni hanno scosso l'opinione pubblica, Cultura Emotiva ha deciso di provare a commentare le sue...

L’importanza di chiamarsi Porno, Educazione sessuale.

“Come faccio a diventare un bravo amante?” “Guarda tanti porno!” - una normale conversazione in un gruppo Facebook. L’accesso a video e immagini pornografiche, attraverso internet, è sempre più facile e sempre più adolescenti ne fanno un...

Uomini e Donne: una questione di cervello?

Uomini e donne sono biologicamente diversi. La donna ha due cromosomi X, l’uomo ha un cromosoma X e un cromosoma Y. Fin qui siamo tutti d’accordo, ma questo cosa comporta per il nostro cervello?...

“Il cantico dei drogati”. Lo stigma sociale sulle spalle dei tossicodipendenti

Premessa: lo scopo di questo articolo non è quello di fare un’analisi puntale su quei fattori che possono spingere una persona ad entrare nel tunnel della droga, ma di promuovere una riflessione intorno ad...

Articoli recenti

Il più letto della settimana

In un articolo precedente abbiamo tentato di far luce sul tema delle dipendenze centrandoci sull’aspetto comportamentale, tentando di denotare una linea di confine fra uso, abuso e dipendenza. Ci lasciammo con un interrogativo finale, che rimanda allo scenario attuale: esistono sostanze più pericolose delle altre, indipendentemente dal livello di gravità raggiunto dal comportamento di dipendenza? Indubbiamente sì. Esistono sostanze il cui...