0 C
Milano
domenica 17 febbraio 2019
Autori Scritto da Furio Ravera

Furio Ravera

Furio Ravera
21 ARTICOLI 0 COMMENTI
Laureato in Medicina e Chirurgia all'Università di Milano, ha conseguito la specializzazione in Neuropsichiatria Infantile. Dal 1980 è psichiatra presso la Casa di Cura Le Betulle dove è direttore dei reparti "Abuso e Dipendenze da Sostanze Stupefacenti e Farmaci" e "Disturbi di Personalità e Disturbi Psicotici". Ha completato il 1° Corso MBSR (Mindfulness Based Stress Reduction) e il Corso di 1° e 2° Livello EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) per il trattamento dei traumi. Insieme a Roberto Bertolli ha fondato le Comunità Terapeutiche Crest, la Società di Studio per i Disturbi di Personalità (SdP), la Comunità Terapeutica Cima di Milano e il Centro Terapeutico La Ginestra di Milano. Ha prestato numerose consulenze presso Sert, Casa di Cura Villa del Principe, Casa di Cura Villa dei Pini. Già Professore a contratto presso la Scuola di Psicologia Clinica dell'Università di Milano Bicocca, tra le numerose pubblicazioni annovera "Un fiume di cocaina" e "Le regole e la manutenzione della Vespa".

Annoiarsi per pensare a sé. Gli smartphone vanno spenti!

Fate qualcosa, qualunque cosa purché non ci sia uno schermo. (J.M. Twenge) Dal 2007, anno di messa in vendita dell’Iphone gli adolescenti hanno iniziato, con diffusione sempre crescente, a maneggiare questi strumenti potentissimi, gli smartphone. Contemporaneamente...

Bulimia: Il comportamento alimentare come metafora.

“…Lei non sa dottore quanta solitudine e quanta vergogna si prova con la testa piegata sul water per vomitare. Nessuna sa o finge di non sapere.   È un momento di immensa solitudine, concentrato sul...

L’abbandono e le sue conseguenze

Mattina. Era una bella giornata di primavera. Michelino si sentiva eccitato dall’atmosfera della partenza. Il padre aveva portato la macchina davanti al portone e aveva iniziato a caricare le borse. La mamma si attardava...

Il cervello non è pronto a tutto: spinelli e videogame

Francesco ha 19 anni. Da un paio d’anni fuma costantemente cannabis, una decina di “Spinelli” al giorno. Si “calma” così, ma non sa come impiegare il suo tempo. Non fa nulla, esce per “acquisti”,...

Perché le favole finiscono quando il principe azzurro sposa la sua bella?

Già perché? Mi ha sempre lasciato una nota di curiosità la fine delle grandi fiabe: Cenerentola, La Bella Addormentata, Biancaneve, questo genere, ci siamo capiti. Al di là del fatto che da bambino ho...

Disempatia, memorie somatosensoriali e anoressia

“Le cose che vede un bambino piccolo non formano ricordi, formano parti della sua anima” (M. Montessori) Questa affermazione invita ad una riflessione profonda su una fase della vita nel corso della quale i “fatti”...

Calore, abbracci ed eroina

Quanta attenzione occorre dare alle parole per comprendere le persone? Non basta mai e, soprattutto, quanta ne dobbiamo dare agli aggettivi ed alle metafore che usiamo nel linguaggio corrente? Spesso nascondono più significati di...

I figli vomitanti: dipendenti dai genitori

Chiara è una bella ragazza di 20 anni. Riesce nello studio, è al primo anno di università, dopo i cinque anni di scuole superiori vissuti fra alti e bassi della sua serenità. La famiglia,...

Ascoltarsi per ascoltare: il dialogo con i figli

Quando un medico accoglie un paziente ed inizia la raccolta della descrizione dei sintomi pone normalmente una domanda: da quanto tempo si è accorto che…?  Lo scopo di questa domanda è di individuare non solo il...

Serve interrompere l’assunzione di cocaina per risolvere la dipendenza?

La domanda è evidentemente provocatoria ma è importante porla perché fornisce l’occasione di discutere quali passi sono necessari per risolvere realmente un problema di dipendenza da cocaina. È frequente, infatti, quando si discute la richiesta...

Articoli recenti

Il più letto della settimana

Un tempo si credeva che il bambino alla nascita fosse una tabula rasa, senza coscienza, né conoscenza e che le basilari capacità cognitive venissero gradualmente a costituirsi nel corso dello sviluppo. Beata ingenuità! Le ricerche condotte a partire dagli anni ’60 del ‘900 iniziarono a delineare un ritratto diverso del neonato, ossia quello di un bambino che possiede già delle...