0 C
Milano
domenica 17 febbraio 2019
Autori Scritto da Gabriele Ramonda

Gabriele Ramonda

Gabriele Ramonda
6 ARTICOLI 0 COMMENTI
Sono psicologo clinico specializzando in Psicoterapia Psicoanalitica. Collaboro con il Centro di Psicoterapia presso l'ASL Torino1, ricevo in studio a Chieri e a Torino. Collaboro con i servizi sociali torinesi nel settore disabilità. Ho lavorato per alcuni anni come psicologo in comunità terapeutica “Il Porto Onlus“, dove ho seguito in tempi diversi disturbi di personalità, dipendenze e psicosi. Mi sono poi dedicato alla riabilitazione psichiatrica in gruppi appartamento. Oggi mi occupo anche di marketing, fotografia e comunicazione: ho co-ideato e co-fondato Nora Photobooth, prima impresa italiana a occuparsi di Photobooth nel campo degli eventi e della comunicazione. Lettore appassionato, disorganizzato ed un po' anarchico. Scrivo articoli, riflessioni e poesie confuse. "Considero la psicologia e la psicoterapia non solo come dei solidi e provati strumenti di cura, ma anche come metodo di ricerca di senso, di possibilità di riflessione e conoscenza di sé che va al di là del semplice adattamento alla realtà." Contatti: info@psicologiaramonda.it

Creare per rinascere: dolore e crescita nel ricreare se stessi

La creatività democratica C'è una tendenza comune a considerare la creatività come un dono, come un qualcosa che tocca certi esseri fortunati e lascia a secco tutti gli altri. Abbiamo la categoria degli artisti, nel...

Salvini riduce lo stress. Stranieri, paura e paranoia

Di nemici bisogna sempre inventarne e dipingerli in modo che suscitino paura e ripugnanza, affinché i popoli siano tenuti a freno”.  Umberto Eco In questo articolo cercherò di accompagnarvi da una gabbia di topi francese alla...

Sconfiggere l’ansia: un mito nocivo

  “Persino le mie ansie hanno l’ansia…” (Charlie Brown, in Charles M. Schulz, Peanuts) Cercando su Google “sconfiggere l'ansia” ci si imbatterà in decine di siti che spiegano come eliminare l'ansia dalle proprie giornate. Sono solitamente pagine...

Il libro rosso di Jung: crisi e rinascita

George Gray Molte volte ho studiato la lapide che mi hanno scolpito: una barca con vele ammainate, in un porto. In realtà non è questa la mia destinazione ma la mia vita. Perché l’amore mi si offrì e io mi...

Le parole per dirlo: dare un nome alla sofferenza

“...le parole hanno una vita propria, come la gente o gli animali. Possono palpitare, svanire o amplificarsi. Passare attraverso le parole è come camminare in mezzo alla folla. Rimangono delle facce, delle sagome che...

Quando tradimmo noi stessi. Che cos’è il falso sè e come ri-conoscerlo?

"Quando il suicidio costituisce l'unica difesa rimasta di fronte al tradimento del vero sé, allora il destino del falso sé diventa quello di organizzare il suicidio. Questo naturalmente implica la distruzione, da parte del...

Articoli recenti

Il più letto della settimana

Un tempo si credeva che il bambino alla nascita fosse una tabula rasa, senza coscienza, né conoscenza e che le basilari capacità cognitive venissero gradualmente a costituirsi nel corso dello sviluppo. Beata ingenuità! Le ricerche condotte a partire dagli anni ’60 del ‘900 iniziarono a delineare un ritratto diverso del neonato, ossia quello di un bambino che possiede già delle...