15 C
Milano
martedì 4 dicembre 2018
Autori Scritto da Silvia Cipolli

Silvia Cipolli

Silvia Cipolli
10 ARTICOLI 0 COMMENTI
Dott.ssa in Psicologia con la votazione di 110 e Lode/ 110 presso l'Università degli Studi di Firenze, ho iniziato, con la stesura della tesi, uno studio relativo agli effetti della cultura Gotica e del terrore nel mondo infantile. Parallelamente mi sono occupata, nel ruolo di educatrice, di ragazzi con varie forme di disturbi e disabilità. Nel 2016 ho frequentato un tirocinio presso l'Università di Firenze che porterà a breve alla pubblicazione di un articolo su una importante rivista. Nel 2017 ho frequentato un tirocinio presso la ASL Toscana-Centro approfondendo le mie conoscenze soprattutto nel campo del trattamento dei disturbi depressivi e dell'abuso sessuale infantile. La scrittura è una parte importante della mia vita e per passione frequento dal 2015 corsi di scrittura creativa che hanno portato alla pubblicazione di alcuni racconti. Contatti: silvia,cipolli@gmail.com

Riflettiamo sulla violenza: una “Casa dalle nuvole dentro”

  Oggi sempre di più ci troviamo di fronte al tema della violenza, dell'aggressività. Sempre più spazio viene dedicato soprattutto ad una sua forma particolare, chiamata violenza contro le donne, violenza di genere, aumentando la sensibilità...

L’arte per comprendere il disagio: tra Harry Potter e Alda Merini

Il disagio psicologico è ancora oggi un tabù. Ci sono terapie, professionisti, strutture dedicate, ma sono rimaste resistenze profonde. C’è difficoltà a chiedere aiuto, a vedere lo psicologo come una figura alla quale potersi rivolgere...

Il cambiamento generazionale degli stili genitoriali

Fare il genitore oggi appare estremamente problematico. La frase “fare il genitore è il mestiere più difficile del mondo” suscita sempre grandi approvazioni. Fare da genitore ad un bambino, in effetti, non significa solo rispondere ai...

Essere genitori: il “segreto del figlio” secondo Recalcati

Che cosa spinge due persone a voler diventare genitori? Qual è il desiderio profondo che muove il progetto, più o meno consapevole, della genitorialità? E come si può, poi, conciliarlo con i bisogni dei...

Essere figli: riflessioni sul “Lessico famigliare” di Recalcati

Che cosa significa essere figli? Non parlo di cosa significa per ognuno di noi rapportarsi con i propri genitori, con il loro stile di accudimento. Non parlo nemmeno di come si evolve la condizione di...

Genitori: possiamo imparare ad annaffiare da soli le radici che ci offrono?

Il principale compito nella vita di ognuno è dare alla luce sé stesso (Erich Fromm).  Da piccoli sono tutto il nostro mondo, quasi dei supereroi ma, ad un certo punto, ci accorgiamo che sbagliano e...

Da Pinocchio a Lightman: se potessimo smascherare le bugie?

Che cosa possono avere in comune Pinocchio e il dr. Cal Lightman, protagonista di Lie to me? Non hanno solo entrambi a che fare con le menzogne ma nascono dall'idea che quando diciamo una bugia...

Il suicidio sui titoli dei giornali: cosa c’è dietro a tanto interesse?

Nell'articolo precedente, contrapponendo le parole evocative della poesia della grandissima Alda Merini agli scabri titoli dei giornali che tutti i giorni compaiono sotto ai nostri occhi, ho cercato di rendere evidente che non esiste...

Rapunzel – Il folle intreccio della relazione madre-figlia/o

C'è chi dice che non esiste niente come l'amore di una mamma. Ma è sempre vero? E soprattutto, oltre l'amore, che relazione abbiamo con questa figura importante? Usciamo dall'idealizzazione ed entriamo nel vivo della questione,...

Suicidio: titoli dei giornali e il bisogno di comprensione

“Se la morte fosse un vivere quieto, un bel lasciarsi andare, un'acqua purissima e delicata o deliberazione di un ventre, io mi sarei già uccisa”.   Con queste parole esordisce la poetessa Alda Merini nel suo Elogio...

Articoli recenti

Il più letto della settimana

Cos’è la creatività? Cosa rende una persona creativa? “Creatività significa semplicemente collegare cose. Quando chiedi a persone creative come hanno fatto qualcosa, si sentono quasi in colpa perché non l’hanno fatto realmente, hanno solo visto qualcosa e, dopo un po’, tutto gli è sembrato chiaro. Questo perché sono stati capaci di collegare le esperienze vissute e sintetizzarle in nuove cose”. (Steve...