17.4 C
Milano
lunedì 14 maggio 2018
Autori Scritto da Sofia Sacchetti

Sofia Sacchetti

Sofia Sacchetti
10 ARTICOLI 0 COMMENTI
Sono laureata in Psicologia Clinica presso l’Università di Pavia e laureanda del Research Master in Psychopathology presso l’Università di Maastricht. Ho unito nella mia formazione l’amore per la pratica clinica e la spinta verso l’investigazione sistematica della ricerca, frequentando contemporaneamente due percorsi magistrali nei suddetti settori. La mia principale area di studio sono i disordini alimentari, tematica che ho avuto modo di approfondire in sede di tesi collaborando con il professor Massimo Recalcati. Nel 2015, ho conseguito un tirocinio di ricerca presso il dipartimento di disordini alimentari della Maastricht University sotto la supervisione di Anne Roefs and Anita Jansen. Attualmente, sto portando avanti questa area di investigazione presso l’Unità Psicoanalitica della University College of London, dove insieme a Peter Fonagy, sto analizzando la relazione fra bulimia, comportamento borderline e livello di capacità di mentalizzazione. Contatti: s.sacchetti@student.maastrichtuniversity.nl

Love: sperma, sangue e lacrime nel film di Gaspar Noé  

-Love-, un titolo semplice, lapidario, che ricorda una leggera commedia americana e che invece va a denominare uno dei film più controversi degli ultimi anni.  Un film fatto di “sperma, sangue e lacrime” come...

Essere e (fuori)tempo. Dall’intervento “Il tempo malato, il tempo che muore” di Vittorino Andreoli

Alice: "Per quanto tempo è per sempre? Coniglio bianco: "A volte un secondo!" Se il tempo avesse un andamento costante e lineare, come il ticchettio di un orologio, sarebbe tutto più facile, come leggere la...

Il tabù dell’amore. Quando la libertà diventa un dovere

“Chi non conosce il suo limite tema il destino” Aforismi, Aristotele,  IV a.C.  Abbiamo distrutto lo stereotipo della famiglia formata da moglie, marito e pargoli. Non siamo più soggiogati dalla legge della morale che ha bussato...

Il prossimo, prego! La dimensione amorosa nell’era Tinder

Le prime istruzioni d’amore vengono insegnate ai bambini dalle favole tramandate dalla tradizione, raccontate dai genitori prima di andare a letto, proiettate sugli schermi dai cartoni animati, prese in prestito dalla gente per abbellire...

Vincent van Gogh: Due scarpe sinistre. Il dolore all’origine dell’opera

29 luglioEra il 27 luglio 1980 quando, immerso tra i tormenti di uno dei suoi campi di grano ad Auvers-sur-Oise, Vincent van Gogh decise di premere il grilletto di una rivoltella premuta contro il...

Cara Ana, io ti odio. L’ambivalenza all’interno dei disordini alimentari

“Amo et Odi” diceva Catullo per descrivere quel sentimento che lega gli amanti. Così forte e positivo, eppure sempre anche ambivalente e distruttivo.L’amore ha infatti questa straordinaria  capacità di aprire mondi nuovi, di trasfigurare...

Un mare di ricerca. Quella strana razza degli psicologi

Si chiama Ismael Bartleboom, professor Ismael Bartleboom, è uno dei personaggi protagonisti del libro “Oceano Mare” di Baricco (1993). Probabilmente non ha mai avuto una cattedra universitaria, né si è mai avvicinato al mondo...

Anoressia Nervosa: Una metafora concretizzata

La negazione della dimensione simbolica nell'anoressia L’Anoressia Nervosa rappresenta un perfetto esempio in negativo della complessa natura che caratterizza il corpo umano. Il corpo non è solo un mezzo materiale e funzionale per compiere azioni in...

Si mangia sempre alla tavola dell’Altro

Anoressia Nervosa e Bulimia Nervosa all’interno del discorso sociale: tra separazione ed appello all’Altro Cibarsi dovrebbe essere per eccellenza uno dei gesti umani più intriso di istintualità, erede diretto della nostra parte più animale. Si...
Chi siamo noi?

Ci siamo noi, ci sono loro. Chi è il cattivo?

"Ci siamo noi e ci sono loro. Noi siamo i buoni - noi siamo sempre i buoni- loro i cattivi. Minano la nostra salute, minacciano le nostre famiglie, distruggono la nostra pace."Tra i buoni,...

Articoli recenti

Il più letto della settimana

"Quando il suicidio costituisce l'unica difesa rimasta di fronte al tradimento del vero sé, allora il destino del falso sé diventa quello di organizzare il suicidio. Questo naturalmente implica la distruzione, da parte del falso sé, di se stesso, ma implica anche la fine della necessità della sua esistenza dato che la sua funzione è quella di proteggere il...