4.4 C
Milano
lunedì 19 febbraio 2018
Autori Scritto da Vittorio Arrigoni

Vittorio Arrigoni

Vittorio Arrigoni
12 ARTICOLI 9 COMMENTI
Laureando in Psicologia Clinica presso l’Università di Milano Biccocca, ho ideato il format di Cultura Emotiva un anno fa e ne sono il cofondatore. Ho scritto e pubblicato una tesi sul tema delle relazioni poliamorose, pratico meditazione Vipassana e ho conseguito un diploma sulla “Mindfulness in Relazione” secondo il metodo del Karuna Institute (UK) sotto la supervisione di Anne Overzee e Deirdre Gordon. Collaboro inoltre da settembre 2016 come volontario presso l’Associazione Mudita di Milano, all’interno della quale sto approfondendo le mie competenze nel settore della mindfulness contemplativa. Attualmente sto svolgendo a Nicosia (Cipro) il mio programma Erasmus+ presso l’University of Cyprus (UCY). Il mio prossimo obiettivo è quello di diventare uno psicoterapeuta Cognitivo Costruttivista Relazionale. Contatti: v.arrigoni6@campus.unimib.it

Borderline o antisociale? Agiti aggressivi e regole infrante

Aprì la cartella e lessi la diagnosi: Disturbo Borderline di Personalità (BPD) e Disturbo Antisociale di Personalità (APD). Era un mese che frequentavo il carcere (come tirocinante eh!) e avevo già preso visione di...

Del dare e del ricevere. L’ansia in amore

L'ansia da prestazione relazionale consiste nella tendenza incontrollabile di cercare di essere accettati, riconosciuti, stimati e ricercati dagli altri. Essa nasconde una paura più insita, quella di non essere all’altezza . L’ansia è uno stato...

Morelli, le prostitute e la denuncia. Punti di vista (2)

Morelli ha fatto scalpore, ma le basi teoriche e cliniche su cui poggia il suo dicorso hanno il loro spessore. Link all'articolo sulle critiche a Morelli.Premessa… il video de Le Iene è stato realizzato con...

Mindfulness: la trappola del porsi obiettivi nella pratica

Durante la pratica meditativa generalmente si tende a focalizzarsi sulle sensazioni corporee attraverso il body scan, il contatto con il suolo, il respiro che entra ed esce dal naso o l’espandersi e il restringersi...

Encore, encore. Come affinare la didattica universitaria

<Ora che mi ha insegnato queste cose, farò del mio meglio per dimenticarle.>                      <Per dimenticarle?>                                                                                                           <Vede> mi spiegò <secondo me, il cervello d’un uomo, in origine, è come una soffitta vuota: la si deve...

Sanno i professori trasmettere interesse e passione per le materie?

Se il primo dei grossi problemi dell'università italiana è quello di perseverare una didattica troppo orientata all'apprendimento teorico non-critico, a discapito dell'acquisizione di competenze pratiche (come esplicato in questo articolo), il secondo, forse non...

“Sapere” vs “saper fare”. Il problema trascurato della didattica universitaria

Il 21 marzo dell’anno scorso si svolse presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca un’iniziativa intitolata: Per una nuova primavera delle Università. A tale incontro parteciparono i Rettori delle università milanesi che intervennero assieme a...

Porto. Gli effetti psicologici delle relazioni romantiche

È stato l’ultimo film che ho visto alla 34° edizione del Torino film festival, l’ultima sorpresa di questo magico evento nel quale non mi ero mai addentrato prima. È stato molto avvincente percorrere le...

Partire dal poliamore per parlare di consapevolezza relazionale. Come ci poniamo di fronte al...

“Molte persone sognano di avere amore, sesso e amicizie in abbondanza. Alcune credono che una vita così sia impossibile e si accontentano di meno di quello che vogliono, sentendosi sempre un po' soli e...

Mon roi (film)

La dipendenza che cela l'insoddisfazione verso se stessi Spoiler Free Mon roi è un film sceneggiato e diretto da Maiwenn Le Besco, nel quale sono presentate le vicende amorose e le dinamiche relazionali di una coppia...

Articoli recenti

Il più letto della settimana

Un ostacolo frequente nel trattamento di disturbi psichici è rappresentato dal pregiudizio sui farmaci. Un certo numero di pazienti nonostante i benefici evidenti ottenuti a seguito di una terapia farmacologica, diventano "impazienti" circa il desiderio di ridurre e sospendere le terapie.Alcuni temono che il farmaco "intossichi il fegato" altri dichiarano che "non vogliono diventare dipendenti" da una medicina, altri ancora...