19.5 C
Milano
mercoledì 15 agosto 2018
Autori Scritto da Vittorio Arrigoni

Vittorio Arrigoni

Vittorio Arrigoni
17 ARTICOLI 13 COMMENTI
Laureato in Psicologia Clinica presso l’Università di Milano Biccocca, ho ideato il format di Cultura Emotiva e ne sono il cofondatore. Ho scritto e pubblicato una tesi sul tema delle relazioni poliamorose, pratico meditazione Vipassana e ho conseguito un diploma sulla “Mindfulness in Relazione” secondo il metodo del Karuna Institute (UK) sotto la supervisione di Anne Overzee e Deirdre Gordon. Collaboro inoltre da settembre 2016 come volontario presso l’Associazione Mudita di Milano, all’interno della quale sto approfondendo le mie competenze nel settore della mindfulness contemplativa. Dopo aver svolto a Nicosia (Cipro) il mio programma Erasmus+ presso l’University of Cyprus (UCY), ho svolto il tirocinio pre-laurea presso la Casa Circondariale di Monza nell'ambito della prevenzione del suicidio e dell'autolesionismo, e su quest'ultimo argomento ho sviluppato la mia tesi magistrale. Ad oggi lavoro come tirocinante presso la Fondazione Rosa dei Venti Onlus, CT che si occupa del trattamento di adolescenti con disturbi della personalità. Il mio prossimo obiettivo è quello di diventare uno psicoterapeuta Cognitivo Costruttivista Relazionale. Contatti: v.arrigoni6@campus.unimib.it

Trattare la depressione maggiore e moderata

Nella terapia cognitivo-comportamentale (Cognitive-behavioral therapy – CBT) intervenire sulla depressione significa operare su tre specifici aspetti: disperazione e suicidarietà, bassa autostima e scarse energie (Wright, Turkington, Kingdon & Basco, 2009). Quando si sviluppa un disturbo...

Trattare la mania nell’approccio cognitivo-comportamentale

Il principale obiettivo della terapia cognitivo-comportamentale nei casi di mania è “prevenire la ricorrenza di questi stati attraverso il riconoscimento dei sintomi che segnano l’ergersi del disturbo e sviluppare degli interventi rapidi che possano...

Disturbo Borderline e prospettiva evoluzionista. Il contributo di Giovanni Liotti

Ci ha lasciato pochi giorni fa uno dei più importanti esponenti del cognitivismo italiano. Giovanni Liotti, psichiatra e psicoterapeuta, è principalmente ricordato per i contributi apportati allo sviluppo dell’approccio cognitivo-costruttivista e cognitivo-evoluzionista. Vogliamo omaggiarlo presentando...

Disturbo bipolare. Normalizzare ed educare nell’approccio cognitivo-comportamentale

L’alleanza terapeutica è un fattore di primaria importanza nel trattamento del Disturbo Bipolare, considerando l’elevata oscillazione dell’umore nella quale si alternano stati depressivi a crisi maniacali, in cui il soggetto si percepisce grandioso o...

Introduzione all’autolesionismo: le diverse tipologie

L’autolesionismo, ovvero l’atto di procurarsi da sé ferite corporee di diversa entità, è stato a lungo usato come termine ombrello che raccoglieva diverse categorie e modalità di atti autolesivi. Tale uso variegato del sostantivo...

Borderline o antisociale? Agiti aggressivi e regole infrante

Aprì la cartella e lessi la diagnosi: Disturbo Borderline di Personalità (BPD) e Disturbo Antisociale di Personalità (APD). Era un mese che frequentavo il carcere (come tirocinante eh!) e avevo già preso visione di...

Del dare e del ricevere. L’ansia in amore

L'ansia da prestazione relazionale consiste nella tendenza incontrollabile di cercare di essere accettati, riconosciuti, stimati e ricercati dagli altri. Essa nasconde una paura più insita, quella di non essere all’altezza . L’ansia è uno stato...

Morelli, le prostitute e la denuncia. Punti di vista (2)

Morelli ha fatto scalpore, ma le basi teoriche e cliniche su cui poggia il suo dicorso hanno il loro spessore. Link all'articolo sulle critiche a Morelli. Premessa… il video de Le Iene è stato realizzato con...

Mindfulness: la trappola del porsi obiettivi nella pratica

Durante la pratica meditativa generalmente si tende a focalizzarsi sulle sensazioni corporee attraverso il body scan, il contatto con il suolo, il respiro che entra ed esce dal naso o l’espandersi e il restringersi...

Encore, encore. Come affinare la didattica universitaria

<Ora che mi ha insegnato queste cose, farò del mio meglio per dimenticarle.> <Per dimenticarle?>                                          ...

Articoli recenti

Il più letto della settimana

Alice: "Per quanto tempo è per sempre? Coniglio bianco: "A volte un secondo!" Se il tempo avesse un andamento costante e lineare, come il ticchettio di un orologio, sarebbe tutto più facile, come leggere la trama della storia di qualcun altro. Ma il tempo umano è un tempo che segue il tempo che vuole. Ci sono istanti che possono durare...